Crea sito

image_pdfimage_print
Ago 312019
 

Sabato 31 agosto

19.00 Giorgio Anastasio presenta “Mitica Terracina – Storie del Pisco Montano” (Tre Bit edizioni) con le illustrazioni di Davide Percoco. Un affascinante viaggio nella Storia della nostra millenaria città

20.00 Nicola Pietrangeli ci racconterà la sua incredibile vita di sportivo (il più grande tennista italiano di sempre) e poi di conduttore televisivo, attore e opinionista.

21.00 Pino Scaccia, inviato del Tg1, e la professoressa Anna Raviglione presentano “Dittatori. Hitler e Mussolini tra passioni e potere” (Tra le righe libri)

22.00 Angelo Marzullo con il suo “Why London calling?” (26 Lettere) sfida Daniele Vogrig e il suo “Gianni Schicchi. Ritratti di un folletto fiorentino” (Lithos) in un faccia a faccia fra punk e musica classica

23.00 Concerto in Acoustic Trio di Cesare Syd Salvatori: Voce e Chitarra 
Alessandro Molinaro: Chitarra Solista 
Francesco Vecchio: Cajon e Percussioni

 

Appuntamento presso piazza Santa Domitilla sul centro storico di Terracina

Ago 262019
 

 

COMUNICATO STAMPA

Tutto pronto a Terracina per la Notte Blu 2019. Il 26 agosto piazze e strade della città in festa per celebrare la Bandiera Blu.

Attesa per la Notte Blu 2019 in programma a Terracina lunedì 26 agosto. La seconda edizione della manifestazione, patrocinata e sostenuta dal Comune, che festeggia il conseguimento della Bandiera Blu (per il quinto anno consecutivo), prenderà il via alle ore 20 in piazza Garibaldi con un incontro pubblico tra Amministrazione, i vertici degli enti che si occupano della gestione dei servizi, associazioni ambientaliste e cittadini. Dopo lo spazio informativo inaugurale sarà la volta della grande musica, dello spettacolo e della comicità. Nelle piazze Garibaldi, Mazzini, Repubblica, Ennio Palmacci e Santa Domitilla, dalle 21,30 si esibiranno band affermate come i Muiravale Freetown, Radio Fillmore, Charry Waves, Rino Gerard Band, Pneuma Band. Quindi i comici Forlenzo egli Arteteca presentati da Elisabetta Gregoraci in piazza Mazzini, mente il truck di Radio Globo farà una tappa del suo Summer Tour in piazza della Repubblica. Il vicesindaco Roberta Tintari si dice “sicura di una bella serata di festa e sano divertimento. Lo scorso anno si svolse tutto in assoluta serenità e allegria, i due elementi che vorrei sempre vedere nella nostra città. Abbiamo voluto fortemente questo evento perchè pensiamo che sia giusto e bello che Terracina celebri un risultato straordinario come quello della Bandiera Blu, un riconoscimento che richiede l’impegno e la condivisione di tutti ogni giorno”. L’assessore all’Ambiente Emanuela Zappone esprime “soddisfazione per questa serata dal profondo significato. Sul palco di piazza Garibaldi sarà ospite il Presidente della FEE-Italia Claudio Mazza e i vertici degli enti protagonisti della gestione dei servizi, operatori turistici e associazioni ambientaliste per discutere sul tema ‘Bandiera Blu: acque, rifiuti, mobilità e servizi turistici. #viviAmoTerracina‘. Poi via libera alla festa e al divertimento con la buona musica e il grande cabaret, ricordando a tutti di dare il buon esempio e utilizzare i portarifiuti dislocati nelle piazze e nelle strade, osservando la raccolta differenziata e non abbandonando rifiuti in giro. Celebriamo la nostra bellezza e la nostra pulizia”. Barbara Cerilli, assessore al Turismo, sostiene “che le grandi manifestazioni sono ormai di casa a Terracina, una città che sta dimostrando di avere una straordinaria capacità di superare le difficoltà e offrire ai propri cittadini e ai turisti eventi di alto livello. La Bandiera Blu è una plastica rappresentazione del lavoro che abbiamo svolto in questi anni per innalzare la qualità del turismo, ma dobbiamo proseguire con un impegno ancora lungo e gravoso per migliorare sempre più. In questo chiediamo la collaborazione di tutti affinchè Terracina sia una meta sempre più ambita per un turismo di livello”.
La delegata ai Grandi Eventi, Sara Norcia, ha seguito per conto dell’Amministrazione l’organizzazione coadiuvando e rapportandosi con la Ares Eventi: “Allestire un evento del genere è molto impegnativo perchè le piazze e gli artisti sono veramente tanti. Ringrazio la Ares Eventi per la professionalità e l’entusiasmo messi in campo in questa organizzazione e gli Uffici comunali che si sono adoperati per consentirne lo svolgimento. Terracina vive una straordinaria fase di visibilità turistica e artistica, risultati che si ottengono grazie alla rinnovata vitalità di aziende locali, associazioni e cittadini e alla collaborazione delle istituzioni. Attendiamo con entusiasmo questa serata da vivere tutti insieme e che presenterà Terracina ancora una volta con la sua veste più bella”.

Relazioni esterne
Staff del vicesindaco di Terracina

Terracina, 24 agosto 2019

Ago 212019
 

Dalle remote origini del Santuario fino ai nostri giorni la devozione verso la Madonna della Delibera è aumentata in proporzione dei prodigi operati dalla sua potente intercessione. Ne fanno fede i numerosi ex-voto, nonché i piccoli e grandi quadri o tavolozze a olio prima appesi alle pareti della chiesa e ora sistemati nel corridoio che scorre dietro l’abside del Santuario stesso, e nei quali, con varietà di colori e di stili visibilmente rudimentali, la semplicità dei beneficati ha inteso ricostruire il momento del prodigio o tramandare ai posteri la figura del graziato.
Nell’inventario del notaio terracinese Matteo Falasca del 1730 si attesta che molti ex-voto d’argento sono raccolti in un quadretto posto accanto all’immagine della Vergine; al di sopra della balaustra che divideva il presbiterio dal resto della chiesa, è segnalato «un trave dal quale pendono molti quadretti de’ miracoli».
Di queste antiche testimonianze di culto non ci è rimasta la benché minima traccia: tra quelli esposti nel corridoio situato dietro il presbiterio, il più antico è del 1818, e il loro numero cresce con l’avanzare del secolo; ci risulta peraltro che molti degli antichi ex-voto, rovinati dal tempo, furono distrutti non molti anni fa. Negli ex-voto più antichi è spesso raffigurata la scena del «miracolo»: liberazione da naufragi, alluvioni, fulmini, incendi, briganti, malattie di vario genere, oppure in incidenti stradali, cadute e fatti bellici. In quelli più recenti domina la fotografia, posta accanto a cuori o altri simboli religiosi.
Ma la nuova «moda» fa rimpiangere i tempi in cui si costumava fissare su rozze tavolette, in modo perfino goffo, scene d’una grande semplicità, ispirate nondimeno da una fede genuina che finisce per commuovere.
L’intera collezione, ricca di alcune centinaia di «pezzi», è arte popolare, espressione di una fede.
All’inizio del Quattrocento, la crescente devozione verso la Madonna della Delibera fa affrontare la spesa per costruire, in aperta campagna, in una città fortemente incline a chiudersi in se stessa, una chiesa di notevoli dimensioni, che viene arricchita di un affresco di innegabile pregio artistico.
A metà Cinquecento, troviamo comunità civile e vescovo impegnati a conferire beneficio e officiatura del santuario al sacerdote diocesano Alessandro Argoli, e lo fanno con una solennità che da sé sola dice l’importanza che lo stesso santuario rivestiva nella vita civile ed ecclesiastica del tempo.Finalmente, la crescente devozione di Terracinesi e di abitanti dei vicini centri cittadini, che numerosi accorrono al santuario e vi lasciano i loro ex-voto, culmina nella erezione del nuovo, imponente santuario dei nostri giorni. Dunque, un culto molte volte centenario, senza soluzione di continuità.
 
Più che gli aneddoti raccontati e ripetuti nei vari quadri-ricordo, la devozione alla Madonna della Delibera è manifestata dalle imponenti folle di fedeli che annualmente, da regioni lontane, vengono in pellegrinaggio al Santuario, dove la loro fede erompe talvolta con impeto veemente.
 
Tutto ciò sta a dimostrare come sia vivo anche ai nostri giorni, il prestigio del Santuario nella stima delle popolazioni, particolarmente della regione pontina.
Soprattutto conferma come la devozione a Maria Santissima della Delibera si sia sviluppata progressivamente attraverso secoli di fedele e costante venerazione.
 
Ago 212019
 

Lunedì 26 Agosto vi aspettiamo in Piazza Garibaldi a Terracina dalle Ore 23:00 !!!

La RINO GERARD BAND nasce nell’inverno del 2007.L’amore e l’interesse per la figura complessa e “popolare” di RINO GAETANO ha reso il gruppo musicale il primo del sud pontino a riproporre il repertorio del grande cantautore.
La Band dopo anni di gavetta e un’intensa attività live, nell’estate 2009 si è confermata una delle più interessanti realtà musicali della zona, continuando sempre a creare atmosfere di festa e divertimento in ogni live.
La Rino Gerard Band ripropone le canzoni del cantautore calabro-romano distinguendosi per la fedeltà agli arrangiamenti originali, e soprattutto per la somiglianza timbrica del cantante con Rino Gaetano.

Ago 122019
 

Dettagli

Un pomeriggio per i nostri bambini e ragazzi nel centro storico di Terracina. Presenteremo e leggeremo alcuni brani del nuovo libro illustrato sulla storia della città. Oltre all’animazione, interverranno gli autori Giorgio Anastasio e Davide Percoco, e i rappresentanti del Comune, della Pro Loco e dei Lions Club.

Appuntamento il 13 Agosto 2019 su Piazza Municipio a Terracina a partire dalle ore 18.00

INFO GENERALI SULLA COLLANA

Mitica Terracina (testi di Giorgio Anastasio, illustrazioni di Davide Percoco, grafica di Carlo Spera, 3 BIT edizioni) è la seconda uscita di una collana locale di libri illustrati per bambini e ragazzi. Il primo volume è stato ‘Ulisse a Sperlonga’, del 2018, una rivisitazione dei miti dell’Odissea in marmo, voluta dall’Imperatore Tiberio nella sua Villa di Sperlonga.

La collana PP – (Storie di) Personaggi e Paesaggi è una rivisitazione di miti universali e locali, nascosti negli angoli della provincia italiana come timidi scoiattoli nei boschi imponenti della Storia.

I racconti, a volte conosciutissimi, altre quasi ignoti, stimolano la (ri)scoperta delle origini più profonde della cultura popolare: mitologia mediterranea, agiografia cristiana, fantasie medievali e cavalleresche, imprese ed eroismi più recenti.

Illustrate da nuovi giovani autori, le PP – (Storie di) Personaggi e Paesaggi sono un vivace strumento di avviamento alla lettura e alla conoscenza della cultura italiana, sia per bambini più piccoli, sia per ragazze e ragazzi in età scolastica.

  1. Ulisse a Sperlonga, storie della Villa di Tiberio (2018) con illustrazioni di Adriana Zuena
  2. Mitica Terracina, storie del Pisco Montano (2019) con illustrazioni di Davide Percoco

STRUTTURA  E CAPITOLI DEL LIBRO

Mitica Terracina racconta, in maniera rivisitata e moderna, la storia della città dalle origini al primo secolo dopo Cristo. Consta di 5 capitoli introdotti da una cornice generale. All’inizio di ogni storia ‘mitica’, infatti, abbiamo una introduzione ambientata ai giorni nostri in cui un nonno terracinese, Cesareo, fa visitare, anzi ‘scorazzare’, in giro per i luoghi più rappresentativi di Terracina, due nipotini in vacanza ‘dalla Grande Città’.

CAPITOLI:

  1. TERRACINA NEL MITO: I LESTRIGONI
  2. LA FONDAZIONE DI TERRACINA: IN FUGA DA SPARTA
  3. LA CONQUISTA ROMANA: ALLA FONTE FERONIA
  4. LA REGINA VIARUM: GEGANIA E CLESIPPO
  5. TERRACINA CRISTIANA: SANTA DOMITILLA

BRANO DELL’INTRODUZIONE AL LIBRO

La storia di Terracina, ferita dai bombardamenti dell’ultima guerra, ha peculiarità uniche nel panorama italiano. Terra di confine prima e dopo la dominazione romana, stazione nevralgica di posta e rifornimento lungo il tracciato dell’Appia antica, centro fondamentale dello Stato pontificio, luogo di ristoro per viaggiatori e scrittori di fama mondiale come Orazio, Cicerone, Virgilio, Goethe, Dickens, Stendhal e Andersen… Ma non solo. Terracina ha un misterioso retaggio mitologico che la collega direttamente alla grande cultura ellenistica di Omero e Plutarco.

I cinque racconti di questo volume trattano il periodo storico che va dalla fondazione di Terracina al primo secolo dopo Cristo. Siamo consapevoli che le varie tradizioni leggendarie sulla nascita della città non abbiano in realtà alcun riscontro attendibile, ma crediamo che in fondo questo non sia fondamentale. Che Terracina fosse abitata da un popolo di giganti ben prima che Roma avesse il suo senato o che la città fosse stata colonizzata da esuli Spartani… l’importante è che ci sia un collegamento, una suggestione, un apprendimento che vada aldilà della mera ambientazione storica. Il mito ha una sua evoluzione intrinseca e bisogna ragionare in primis sul perché la tradizione locale lo abbia ambientato (anche) qui. Per quanto riguarda le storie più propriamente riconducibili ad avvenimenti o personaggi attestati da fonti storiche (l’esistenza della Fonte Feronia, l’amore di Clesippo per Gegania), gli autori si sono permessi, anche di ricamare un po’ sulla trama, spesso appena accennata dai cronachisti dell’epoca o addirittura del tutto frutto della loro immaginazione. Per quanto riguarda l’ultimo brano (Santa Domitilla), si è scelto di seguire la trama fantasiosa proposta dal Contatore, evitando di scendere nei particolari del martirio dei vari personaggi, per i quali si rimanda (e consiglia) una visita alle catacombe di Santa Domitilla e alla Basilica dei santi Nereo e Achilleo, a Roma.

 

 

Ago 082019
 

 

Marino Bartoletti, Nicola Pietrangeli, Pino Scaccia, Franco di Mare, Gianni Milano i super ospiti del Terracina Book festival 2019

 

Un piccolo, grande traguardo quello che raggiunge il Terracina Book festival che quest’anno arriva a festeggiare la Decima edizione. In tempi come questi, dove manifestazioni importanti, anche a carattere nazionale, perdono il loro appeal o addirittura sono costrette a chiudere i battenti, dove la cultura è vista sempre di più come una cosa effimera e d’élite, il Terracina Book Festival, nonostante le ovvie difficoltà economiche, è riuscito nell’impresa di dare continuità ad un lavoro decennale.

Grande la soddisfazione dei creatori Massimo Lerose e Andrea Giannasi che anche in questa edizione propongono un programma ricco di nomi nell’edizione che si terrà in Piazza Domitilla il 30 e 31 agosto e 1 settembre dalle 20 alle 23.

Tra gli ospiti che saliranno sul palco Marino Bartoletti, il giornalista che ha condotto e spesso ideato trasmissioni televisive storiche come “Il processo del lunedì”, “La Domenica Sportiva”, “Pressing”, “Quelli che il calcio”. Già direttore del “Guerin Sportivo” e commentatore di tante edizioni del Giro d’Italia, della Champions League, dei Campionati europei e mondiali di calcio e dei Giochi olimpici a Terracina presenterà il libro “ La squadra dei sogni. Il cuore sul prato” (Gallucci).

A Terracina anche Nicola Pietrangeli il grandissimo campione di tennis, vincitore di due Roland Garros (1959 e 1960), che ha disputato in coppa Davis 164 incontri (con 120 successi), vincendola da capitano nel 1976 a Santiago del Cile con Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci e Antonio Zugarelli. Con lui si parlerà di calcio la sua grande passione.

Poi al TBF il grande ritorno del storico inviato del Tg1 Rai Pino Scaccia che con Anna Raviglione presenta il saggio “Dittatori (Tralerighe) imperniato sulle vite private di Mussolini e Hitler.

Pino Scaccia è entrato per anni nelle case degli italiani al Tg1 delle 20 raccontando la storia e la cronaca. Dall’Afghanista all’Iraq, da Cernobyl a Che Guevara, dal rapimento di Farouk Kassam alla scomparsa della figlia di Al Bano e Romina Power, dalle Torri Gemelle dell’11 settembre Lady Diana.

E ancora Franco di Mare autore del romanzo “Barnaba il mago” (Rizzoli). Giornalista Rai inviato dai Balcani,in Africa e in America centrale. Dal 2002 passa al TG1. È inviato durante la guerra in Afghanistan ed in Iraq. Dal 2003 diviene conduttore televisivo (sempre su Raiuno). Dal 2005 conduce le finestre del Tg1 all’interno di Unomattina.

Arriverà a Terracina anche il conduttore televisivo e divulgatore scientifico Gianni Milano in Rai dal 2004 con il suo romanzo “In un battito d’ali” diventato quest’anno uno spettacolo teatrale.

Gli scrittori, i giornalisti e i personaggi della cultura, dello sport e dello spettacolo continuano a scegliere il TBF e gli ospiti della decima edizione seguono Miguel Gotor, Giovanni Fasanella, Giuseppe Fioroni, Raffaella Fanelli, Caterina Frustagli, Roberto Giacobbo, Beppino Englaro, Emilio Gentile, Alberto Lori, Merilia Ciconte, Toni Capuozzo, Mina Welby, Souad Sbai, Paolo Miggiano, Francesco Caporale, Claudio Fava, Luca Telese, Gigi Moncalvo, Vincenzo Imperatore, Giuliana Sgrena, Ferdinando Imposimato, Aurelio Picca, Laura Tangherlini, Daniele Vogrig, Marcello Simoni, Gianluca Pitari, Fausto Pellegrini, Sandro Petrone, Daniele Mastrogiacomo, Davide Rondoni, Carlo A. Martigli, Folco Quilici, Mario Morcellini, Andrea Agnello.

 

Il programma completo prevede:

 

Venerdì 30 agosto

Alle ore 20 Claudia Conte presenta “Il vino e le rose. L’eterna sfida tra il bene e il male” (Curcio).

Alle ore 21 Nicola Pietrangeli sarà intervistato da Andrea Giannasi e Massimo Lerose.

Alle ore 22 presentazione del libro “Incanto: viaggio nella canzone d’autrice” di Fausto Pellegrini (L’erudita).

 

Sabato 31 agosto

Alle ore 20 Ercole Bersani presenta “Appia inferior. Un taglio di vita” (Innuendo).

Alle 21 Pino Scaccia e Anna Raviglione presenteranno “Dittatori” (Tralerighe).

Alle 22 Angelo Marzullo con “Why London calling? (26 lettere) sfida Daniele Vogrig con “Gianni Schicchi. Ritratto di un folletto fiorentino” (Lithos).

Al termine concerto di chiusura.

 

Domenica 1 settembre

Alle ore 20,30 Tra il giallo il noir. Incontro con Fabio Mundadori sul Garfagnana in Giallo Barga Noir.

Alle ore 21 Marino Batoletti presenta il suo ultimo libro “La squadra dei sogni. Il cuore sul prato” (Gallucci). Lo intervistano Massimo Lerose e Andrea Giannasi.

Alle 22 sul palco Franco di Mare e Gianni Milano per presentare il libro “In un battito d’ali” (Nane).

Alle 23 Poeti a Duello. La disfida poetica a colpi di versi.

Ago 082019
 

Domenica 11 Agosto, ci esibiremo LIVE in Piazza della Repubblica – Terracina (LT). Ti aspettiamo! 👍🏻

Il Rock&Roll Mikeloso sbarca a Terracina..!

il mood Mikely Family?
Swing, contaminazione, vintage ed un pizzico di follia. L’eterogenea estrazione musicale dei singoli musicisti fa si che gli arrangiamenti risultino originali e frizzanti sempre nel rispetto dello stile musicale degli anni del cosiddetto “Miracolo Italiano”.

“Chi di voi non ha mai sognato di scatenarsi con il twist del piper o di volteggiare al ritmo di jive??
Bene !!…… armatevi di straccali e papillon, tubino e tacchi alti che la Mikely Family Band farà infiammare la vostra frenetica sete di rock’n roll.
 

Domenica 11 Agosto 2019
Terracina
H.22.00

Si prega di attivare i Javascript! / Please turn on Javascript!

Javaskripta ko calu karem! / Bitte schalten Sie Javascript!

S'il vous plaît activer Javascript! / Por favor, active Javascript!

Qing dakai JavaScript! / Qing dakai JavaScript!

Пожалуйста включите JavaScript! / Silakan aktifkan Javascript!