Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /membri/terracina/wp-content/themes/suffusion-4.5/functions/media.php on line 666

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /membri/terracina/wp-content/themes/suffusion-4.5/functions/media.php on line 671

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /membri/terracina/wp-content/themes/suffusion-4.5/functions/media.php on line 684

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /membri/terracina/wp-content/themes/suffusion-4.5/functions/media.php on line 689

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /membri/terracina/wp-content/themes/suffusion-4.5/functions/media.php on line 694
Presentazione di un nuovo saggio di storia locale: “Dove L’Appia tocca il mare” - TerracinaBlog.com

Presentazione di un nuovo saggio di storia locale: “Dove L’Appia tocca il mare”

Sabato 19 ottobre alle ore 18.30, presso la Libreria BookCart, in Salita Annunziata n. 131 a Terracina, sarà presentato il nuovo saggio di Rosario Malizia dal titolo Dove l’Appia tocca il mare. Il Pisco Montano di Terracina, sesto fascicolo della collana “Regina Viarum”.
Il libro costituisce il primo studio monografico sull’argomento e affronta vari temi legati alla famosa rupe: l’imponente taglio eseguito in età romana, con le caratteristiche cifre incise, la contigua esedra scavata nella roccia, la fortezza di età moderna, edificata sulla balza rocciosa, la settecentesca Porta Napoletana, fino alle diverse e talora inedite rappresentazioni artistiche e cartografiche, comprese le immagini eseguite su piatti in porcellana inglese del ‘700, appositamente realizzati per i viaggiatori del Grand Tour.
Il testo, arricchito da informazioni e dati poco noti, si presenta come un utile strumento per la conoscenza di questo colossale monumento naturale che, insieme al retrostante Monte S. Angelo, ha contrassegnato in modo inconfondibile la vista della città dal mare, costituendo per secoli la veduta terracinese più conosciuta in ambito artistico.