Crea sito

Terracina nella letteratura

 

Da un romanzo di Frédéric Vitoux intitolato “La Comédie de Terracina” e’ stato tratto un film brillante dal ritmo rossiniano sullo sfondo dell?Italia del primo ?800 , il film si intitola : “Dolce far niente” ed e’ del 1998.
Ecco la trama:
È il 1807 e il giovane Henri Beyle, che non ha ancora preso il nome di Stendhal, è in viaggio. Arte, musica e amore sono le tre ragioni di un peregrinare letterario che porterà il protagonista a Terracina, al confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli. Henri (uno stralunato e spassoso François Cluzet) trova ospitalità, prima, in casa del Conte Nencini (Giancarlo Giannini), esiliato dai Borboni e poi, in una stazione di posta, dove incontrerà il suo idolo Gioachino Rossini (Pierfrancesco Favino). Impacciato, goffo e sventato, il protagonista si innamora, non corrisposto, sia della capricciosa e risoluta Gabriella (una bravissima Margherita Buy), moglie del Conte, sia della più malinconica e timida Josephina (Isabella Ferrari). Malaria e paludi pontine, politica e briganti, corteggiamenti e torture dei prigionieri, seduzioni e equivoci, amicizie intellettuali e commedia dei costumi, tempo perduto e incontri mai avvenuti. La regia di Nae Caranfil sposa l’andamento musicale, la struttura e le vocalità da opera buffa adottate da Frédéric Vitoux nel romanzo che è all’origine del film, “La commedia di Terracina”. Se Stendhal scriveva pensando ai ritmi rossiniani, il film persegue lo stesso obiettivo e quasi lo raggiunge.


Ti invito ad iscriverti al mio canale YOUTUBE cliccando questo link per essere informato sui nuovi video